Come il sorbetto…

Nel bellissimo libro di interviste a Damien Hirst, appena uscito per la postmediabooks (leggetelo!), l’artista inglese parla ad un certo punto del suo collega Marc Quinn e della sua opera più famosa: un calco della sua testa fatto del suo stesso sangue congelato (nove pinte). Dice “sembra sempre che stia sul punto di sciogliersi, poi non lo fa mai. come il sorbetto.”

Veramente è dall’estate di due anni fa che circola la voce del suo scioglimento, dicono per colpa degli operai che ristrutturavano la casa del collezionista Saatchi. Hanno staccato la spina del freezer e insieme ai ghiaccioli è andata sciolta pure la testa di Quinn. Come no, e magari lo squalo di Hirst lo tiene in garage…

Voglio prendermi una laura…

E’ tempo di lauree ad honorem nel mondo dell’arte contemporanea. L’università di Trento incorona Maurizio Cattelan in Sociologia, mentre quella di Torino conferisce il titolo a Michelangelo Pistoletto in Scienze Politiche. Se dovessi scegliere io la vorrei in astrofisica…

A Trento ci vado però…e porterò foto…