Roma, esterno notte

blankRoma, Via dei Fori Imperiali, quasi mezzanotte. Camminiamo godendoci una temperatura finalmente primaverile. Decidiamo di proseguire fino all’installazione che Mario Merz ha realizzato nei fori. Il bagliore blu della spirale di neon si vede da lontano. Tre persone sono affacciate alla balaustra. Sono Mario Merz, Marisa Merz e Laura Cherubini. Ci avviciniamo, parliamo un po’, la spirale ci ipnotizza. Lo sguardo di Marisa Merz è qualcosa che non posso raccontare, ha un’energia soprannaturale. Mi sento imbarazzata anche a parlare del più e del meno. Ad un tratto, di punto in bianco mi chiede : “Ma tu sei felice?” Farfuglio qualcosa, dico banalità, sfuggo il suo sguardo. “Sono contenta di averla conosciuta” le dico.

Alex Drastico sei tutti noi

alex_drasticoNon basta il fatto che il lunedi sia già, di suo, una giornataccia. Ci si mettono anche loro. Loro chi? Gli spaccatori di specchietti! Questi individui, sul conto dei quali mi ritrovo spesso a pormi domande a la Vulvia (perchè lo facevano, chi li spingeva?), si aggirano per le strade del BelPaese a spaccare gli specchietti delle automobili altrui, con una spiccata perferenza per le macchine stranuove e per gli specchietti “pezzo unico”. Cioè quelli che la casa produce in serie limitatissime, sicchè se poi cerchi il ricambio per sostituirlo come minimo ti dirottano sull’isola che non c’è oppure ti organizzano una spedizione dall’Estremo Oriente. Il tuo nuovo specchietto arriva quando la macchina è già bella che rottamata e finisce a fare da soprammobile in bagno. Della s-proporzione tra il valore della macchina e il prezzo dello specchietto, poi, non parliamone proprio. Sono già abbastanza nervosa così.

Insomma, come è facile intuire ieri ho trovato la mia amatissima Citroen Saxo (Sassò per gli amici) con uno specchietto totalmente sradicato e tristemente penzolante. Ma chi! Ma come! Ma chi cazzo! M’hanno spaccato lo specchietto!…

Ed eccolo qua

blankEd eccolo qua: “Di Venere e di Marte non si torna e non si parte, non si dà principio all’arte”. Mah, quasi quasi lo metto come topic permanente…

Comincio

blankComincio questo blog di martedi, anche se mia mamma non sarebbe d’accordo. Ha uno strano proverbio, che a quanto pare si tramanda da generazioni, che prevede catastrofi per qualunque iniziativa presa di martedi e di venerdi…Stasera me lo faccio ridire e poi lo posto.