Biennale mon amour


Già si sente. L’aria si fa più afosa, le persone più indaffarate, le e-mail piene di “ci vediamo a venezia”. Sta per inaugurare la Biennale. Ci aspettano i consueti giorni di maratona tra padiglioni affollati, buffet invasi, party esclusivi(sti), inaugurazioni ogni 10/15 minuti.
Io parto sabato mattina, nonostante mi riprometta ogni volta di andare “con calma ad ottobre, quando fa fresco” (lo diciamo tutti prima o poi). Ma per chi rimane a casa quest’anno ci sono un sacco di occasioni per tenersi informati. Oltre a siti, blog, giornali, tv e passaparola ci sono anche soluzioni alternative.
Insieme al già sperimentato servizio SMS offerto da Frieze (che vi manda 3 o 4 avvisi al giorno con news e appuntamenti da non perdere), quest’anno c’è anche una radio che vi informa in diretta da Venezia. Si tratta di WPS1, il servizio di broadcasting sull’arte contemporanea del noto museo newyorkese. Promettono una cronaca non stop infarcita di sano gossip (dal 6 al 12 giugno, in inglese). Tra pochissimo verrà anche pubblicata la “presenzia.lista” di Exibart.com, vademecum indispensabile per non perdere nemmeno la più scamuffa inaugurazione nel più tristo sottoscala (umido) della laguna. E nemmeno l’ultimo dei prosecchini.
Da parte mia, prometto che se la sala stampa sarà un luogo adatto ad ospitare forme di vita, darò il mio contributo.

Blog, basta la parola?

Se qualcuno per caso si fosse domandato: “ma questa che fine ha fatto?”, faccio un saltino nel mio blog per rassicurarlo. Non sono affogata in laguna, non mi ha stroncato un’insolazione, non ho (ancora) deciso di cambiare mestiere. Anche se dopo sti 4 giorni di Biennale erano i tre eventi con maggiore probabilità di avverarsi.

Giusto per farsi un’idea di com’era la situazione potete leggere questo articolo che abbiamo scritto oggi.

Per rimanere in tema Biennale, ho trovato su Noemalab questo comunicato.

“Il 12 Giugno 2003 avrà inizio il primo progetto di Blog sull’arte ideato e curato da Lorenzo Miglioli per La Biennale di Venezia. Una forma di storytelling elettronico con cui lo ASAC – l’archivo storico dell’arte contemporanea lancia una ricerca sul digitale come possibile nuova forma di arte. Il progetto avrà come titolo BLOGWORK – the network is the artwork e sarà a tutti gli effetti un blog che racconterà nella sua prima fase dal 12 Giugno proseguendo il 13 e il 14 Giugno ciò che accadrà in tempo reale a Biennale.”

Non mi esprimo in merito per il semplice motivo che io sto blog non l’ho mica trovato. Esiste? Oppure davvero oggi sito si dice “blog”? Se qualcuno ne avesse notizia me lo facesse sapere. Hasta la vista.

p.s nella foto l’opera di Maurizio Cattelan in Biennale

Ce lo meritiamo?

Sono a Venezia causa Biennale, tre giorni di preview per la stampa. Ora: fanno 40 gradi, l’umidità ci ammazza, i ristoranti chiudono alle 9, i prezzi sono esorbitanti, in tutta la Biennale non c’è una toilette, siamo stati a 4-5 inaugurazioni e non c’hanno offerto manco le classiche “du noccioline”…Comincio a pensare ad un castigo divino per il frivolo mondo dell’arte, forse è la solo prima piaga?