Biennale mon amour


Già si sente. L’aria si fa più afosa, le persone più indaffarate, le e-mail piene di “ci vediamo a venezia”. Sta per inaugurare la Biennale. Ci aspettano i consueti giorni di maratona tra padiglioni affollati, buffet invasi, party esclusivi(sti), inaugurazioni ogni 10/15 minuti.
Io parto sabato mattina, nonostante mi riprometta ogni volta di andare “con calma ad ottobre, quando fa fresco” (lo diciamo tutti prima o poi). Ma per chi rimane a casa quest’anno ci sono un sacco di occasioni per tenersi informati. Oltre a siti, blog, giornali, tv e passaparola ci sono anche soluzioni alternative.
Insieme al già sperimentato servizio SMS offerto da Frieze (che vi manda 3 o 4 avvisi al giorno con news e appuntamenti da non perdere), quest’anno c’è anche una radio che vi informa in diretta da Venezia. Si tratta di WPS1, il servizio di broadcasting sull’arte contemporanea del noto museo newyorkese. Promettono una cronaca non stop infarcita di sano gossip (dal 6 al 12 giugno, in inglese). Tra pochissimo verrà anche pubblicata la “presenzia.lista” di Exibart.com, vademecum indispensabile per non perdere nemmeno la più scamuffa inaugurazione nel più tristo sottoscala (umido) della laguna. E nemmeno l’ultimo dei prosecchini.
Da parte mia, prometto che se la sala stampa sarà un luogo adatto ad ospitare forme di vita, darò il mio contributo.

1 Comment Biennale mon amour

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *